Andrea Chidichimo

Vai ai contenuti

Menu principale:

PX Project

PX è un progetto d'arte che nasce dalla sensibilità artistica di Angela Maria Potenza (P) e Andrea Chidichimo (X).
Tecniche diverse, fotografia e pittura, unite in un risultato artistico che coincide in molti aspetti: teorici, estetici, filosofici, concettuali e linguistici.
Le nostre sono immagini in movimento di realtà in divenire, di istanti in cui lo scorrere del tempo e della realtà non sono bloccati o negati, ma continuano nella percezione dell'osservatore. Creiamo opere singolari, immagini plurali.
P fissa la realtà del mondo fisico nella luce dell'obiettivo, raccogliendo su carta le tracce del doppio movimento, suo e del mondo circostante.
X fissa la fuliggine nell'aria, raccogliendo su carta le tracce del doppio movimento, suo e della'aria caliginosa.
P dipinge, con il doppio movimento suo e di quanto guarda, l'istante della fotografia, il momento brevissimo in cui la scena inquadrata si fissa in immagine, nella foto.
X dipinge nell'istante della pittura, il momento brevissimo, l'attimo infinitesimale in cui il colore tocca il supporto e ha la facoltà di espandersi in infinite micro forme.

SPERIMENTAZIONE
La sperimentazione del Progetto PX è avvenuta attraverso una serie di prove e ricerche di tecniche e materiali. I test e gli sperimenti si sono via via verificati in un clima di rinnovato equilibrio. Apporre la pittura sulla foto con lo scopo di una perfetta integrazione senza conflitti estetici o chimici ha contribuito al clima di fiducia crescente rispetto a tali procedimenti. I due linguaggi, pittura e fotografia si sono amalgamati, dando vita a formule nuove ancora da sondare. Abbiamo riconosciuto nei nostri interventi lo stesso modo di concepire la luce e nei nuovi risultati anche l'apparente errore tecnico è visto come possibilità di scoperta del limite e del fatto che anche il limite o l'errore contribuiscono allo scopo dell'arte del progetto.


RICERCA
La ricerca e l'innovazione di questo progetto sta di fondo nel risultato percettivo, nella sua combinazione specifica tra le infinite possibilità di un fluire 'sensibile' del Caos e dell'Ordine naturale dei processi. E nella combinazione continua tra queste due istanze: Ordine e Caos, che la nostra ricerca volge al dualismo e a tutti i dualismi e il loro eventuale superamento. Luce e Buio, Forma e Senza Forma, Conscio e Inconscio e così via. Forse il superamento dualistico sta nella capacità di accogliere le apparenti contraddizioni contemporaneamente. Forse con questo atteggiamento interiore è possibile assistere alla fusione di tre elementi: il polo positivo, il polo negativo, il polo neutrale. Come ad esempio: La Luce, l'ombra, la Realtà. Il Bene il Male, l'accettazione. La ricerca della presenza di questo terzo elemento percettivo del nostro lavoro tiene insieme e divide allo stesso tempo gli opposti. Questa ricerca di questo terzo spazio dell'arte potrebbe essere il luogo interiore del progetto PX.


TECNICA
La tecnica di px project  è la gestione simultanea di questi fattori: il tempo, la velocità, lo spazio, la densità, la luce.

Tempo
Il ruolo fondamentale del fattore tempo nei lavori di PX è dato dal risultato percettivo, sia per ciò che riguarda l'aspetto legato alla fotografia, sia per ciò che riguarda l'aspetto legato alla pittura. Il tempo di infusione della fuliggine per esempio determina il grado di intensità dei grigi, mentre il tempo di esposizione della fotografia determina il rapporto tra luci ed ombre nell'immagine e quindi sull'immagine stessa.


Velocità
La velocità con cui viene mossa la macchina fotografica e la velocità della pennellata è una altro fattore tecnico che incide sull'immagine finale.

Spazio
lo spazio fotografato è lo spazio del successivo intervento pittorico. La realtà fotografata si bagna di luce entrando così in quella dimensione trasognata dove avviene l'intervento pittorico e determinando un altro spazio o uno spazio 'altro'. Si rendo in questo modo possibile la magia dello spazio concepito dalla fotografia, lo spazio concepito dalla pittura e lo spazio, quello interiore, in cui avviene la percezione del risultato finale. La contemporaneità di questi luoghi o spazi permette la possibilità che questi confini si assottiglino e determinino la possibilità di concepire più mondi contemporaneamente.


Densità
Densità di luce, densità del colore, densità della fuliggine sono i fattori con cui fortemente si agisce nell'immagine finale

Luce
Vogliamo sentire e far sentire la visione, vogliamo conoscere e far conoscere con gli occhi. Sappiamo che l'arte non è solo espressione, ma, nel nostro caso, anche Trasmissione cosciente delle profonde esperienze che la vita offre con ciò che insegna.



Torna ai contenuti | Torna al menu